Titoli ciclici e anticliclici quali sono

Settori ciclici e anticiclici quali sono?
Conoscere la differenza tra titoli ciclici e anticlicli è importante,come conoscere i rischi dell’investimento azionario.
Titoli ciclici e anticiclici ma quali sono e quando investire su un comparto o sull’altro?

Perché ci permette di scegliere i titoli azionari da acquistare in base al ciclo economico. Se questo sarà in crescita sceglieremo società dove il loro andamento è influenzato dall’andamento positivo dell’economia. Titoli che in teoria dovrebbero andare bene in Borsa.
Se invece le previsioni sono per un calo della crescita economica sceglieremo titoli difensivi, che in teoria dovrebbero sovraperformare la Borsa perché non risentono della congiuntura economica negativa.

Titoli azionari Anticliclici quali sono.

Partiamo dai titoli anticiclici sono titoli difensivi perché vanno bene nelle fasi di rallentamento dell’economia e recessione.
Sono società che producono beni di consumo come farmaci, energia, alimentari, utility, e che di solito sofraperformano in Borsa quando il ciclo economico rallenta. Perchè sono ritenuti titoli difensivi.

Titoli ciclici quali sono.

Il settore ciclico invece comprende società che producono beni di consumo che di solito vanno bene quando l’economia è in crescita come auto, beni di servizi per l’industria, chimica , grande distribuzione, banche, assicurazioni, società finanziarie, materiali di base, società tecnologiche.
Di solito quanto l’economia va male questi titoli in Borsa non vanno bene.

La rotazione settoriale permette di diversificare il portafoglio e ridurre la volatilità.
Anche con mercati azionari in ribasso ci saranno titoli che andranno bene, individuarli non è facile, ma sono quelli che hanno una correlazione negativa con l’indice di Borsa.