Postepay come funziona

Postepay non è una carta di credito. Ma se la Postepay non è una carta di credito allora  cos’è?
Anche se nell’aspetto è simile ed associata al circuito internazionale e rientra nella categoria delle carte di debito.
Il funzionamento della Postepay è semplicissimo, per usarla si deve caricare come il telefonino.

Una volta esaurito il credito si deve ricaricare. Si può usare per i pagamenti su internet e nei negozi convenzionati con il circuito Visa Electron, per la versione Standard, Mastercard per la versione Evolution.
Per richiederla non serve il conto corrente postale o librettino, si deve andare all’ufficio postale  con documento di identità e codice fiscale. Se siete minori dovete andare con uno dei genitori. Il costo è di €5, poi per attivarla si deve caricare. Alla Postepay va associato un numero di cellulare che va inserito nel modulo che l’impiegato della posta vi darà per richiedere la carta.
Una volta arrivati a casa se non siete ancora registrati dovete registrarvi al sito internet poste.it.

A che età si può fare la Postepay

Della Postepay esistono diverse versioni nominativa o al portatore e con Iban. Ma a quale età si può richiedere la carta prepagata emessa da Poste Italiane?
Dipende dalla versione scelta la versione Standard può essere richiesta dai maggiorenni, come la Postepay Evolution la carta prepagata con Iban. Anche le Postepay al portatore possono essere richieste dai maggiorenni ma possono essere regalate e utilizzate da chiunque.
Mentre per i minori di diciotto anni esiste la versione Junior che si può utilizzare da undici anni. Il minore non può richiedere la Postepay Junior ma si deve recare all’ufficio postale con un genitore. Esiste anche la versione Io Studio rilasciate dalle scuole secondarie.

Come fare Postepay

Fare Postepay è molto semplice, abbiamo già scritto che non è un conto Postepay ma una carta prepagata strumento di pagamento simile alla carta di credito, non agganciata al conto corrente, e non serve nemmeno averne uno.
Una volta scelta la versione più adatta alle proprie esigenze, si perchè la Postepay è disponibile in diverse versioni nominativa, al portatore, con associato l’Iban. Scaricato il prospetto informativo e letto in tutte le sue parte per conoscere i costi. Basta recarsi presso l’ufficio Postale a te più vicino con carta di identità e codice fiscale, in pratica la tessera sanitaria. Se sei minore può richiedere la Postepay Junior, la richiesta è identica a quella per i maggiori. Solo che devi recarti all’ufficio postale accompagnato da uno dei genitori.

Il circuito della Postepay.

La Postepay è associata al circuito Visa Electron, circuito internazionale delle carte di debito della Visa. Si può usare in quasi tutto il mondo nei negozi convenzionati con questo circuito.
Si può spendere solo quanto caricato anticipatamente sulla carta. La ricarica può essere fatta in diversi modi. In contanti all’ufficio postale, da internet con altra Postepay o dal conto corrente postale Bancoposta, da Postamat, che sono gli sportelli automatici delle poste, nelle ricevitorie Sisal, Snai e nelle tabaccherie convenzionate con Banca ITB. E anche dal conto corrente bancario Webank. La capienza massima della Postepay, ovvero il plafond, è di 3mila euro. La ricarica ha un costo che cambia in base al metodo scelto per caricare la carta. In basso trovate una tabella con i principali costi della Postepay. Mentre sui siti delle poste nella sezione trasparenza bancaria trovate il prospetto informatico.

Pagamento Postepay come funziona.

Si può anche usare per prelevare, ma solo i soldi caricati sulla carta. Perché non è un bancomat di associato al conto corrente postale e nemmeno una carta di credito. Il prelievo può essere fatto in Italia all’ufficio postale allo sportello, o da Postamat, ma anche presso gli ATM, sportelli automatici, il bancomat per intenderci delle banche. Il prelievo può essere fatto anche all’estero presso gli atm delle banche convenzionate con il circuito Visa Electron, si in Europa che in altre parti del mondo. Quindi se siete a Londra, Parigi o New York basta che vi recata presso un ATM che accetta carte del circuito Visa Electron e potete prelevare.
Anche per i prelievi ci sono dei costi che cambiano in base al metodo scelto per prelevare.

Ma è vero che la Postepay ha una scadenza?
Si, anche la Postepay scade, ha una validità di sei anni oltre la quale non può essere usata. Alla scadenza si deve chiedere il rinnovo della carta la carta vecchia sarà sostituita da una nuova.

Postepay come funziona e quanto costa

Postepay Evolution
Canone Annuo € 0 € 10
Quota rilascio € 5,00 € 5,00
Rimborso/Estinzione Gratis Gratis
Ricarica Minima € 5,00 € 5,00
Sostituzione Carta € 5,00 € 5,00
Blocco Gratis Gratis
Costo Ricarica
Sportello € 1,00 € 1,00
Pstamat € 1,00 € 1,00
Internet € 1,00 € 1,00
SISAL € 2,00 € 2,00
Snai € 2,00 € 1,00
Bipiemme € 2,00 € 2,00
Sim PosteMobile € 1,00 € 1,00
Con altra carta € 3,00 € 3,00
Costo Prelievi
Sportello € 1,00 € 1,00
ATM Banca € 1,00 € 1,00
ATM Altre banche € 1,75 € 1,75
ATM non Euro € 5,00 € 5,00
POS Italia 0 0
POS Non Euro 0 0
Plafond € 3.000 € 10.000
Circuito Visa Electron Mastercard
Durata anni 6 6

Tabella con le principali condizioni economiche della Postepay Standard.

Ciao, ilcorrentista.com è un sito che parla di servizi bancari, finanza, economia e gestione del risparmio. Spero che questo articolo sia stato utile, se lo hai trovato utile puoi condividerlo sui social in modo che anche altri possono leggerlo, e aiuterai questo sito a crescere. Se invece hai trovato degli errori, o vuoi comunicare con chi ha scritto l'articolo, nella pagina contatti, oppure in fondo a questa pagina trovi l'indirizzo e-mail dove inviare un messaggio. A presto...

LEGGI ANCHE