I giovani riescono a risparmiare?

Anche oggi nonostante la crisi sembra che i tempi non sono cambiati, anche i ragazzi di oggi riescono a mettere da parte qualche soldo.
Ma come i giovani di oggi riescono ad ottenere denaro che mettono da parte ?

Si viene in contato con il denaro in tenera età principalmente perchè ci viene regalato, per una ricorrenza particolare per il compleanno, , per la promozione a scuola o per dei buoni voti.
Ma c’è anche chi lo ottiene perché si è comportato bene.

E come gestiscono questi soldi i giovani?

Un tempo veniva insegnato ai ragazzi come gestire questo piccolo denaro, che in giovane età sembrava niente ma con il passare degli anni aumentava.
E diventava un bel gruzzoletto che si poteva utilizzare una volta raggiunta la maggiore età per fare un vacanza studio, per pagarsi il primo master. Oppure partecipare a qualche conferenza all’estero necessaria per incrementare il proprio bagaglio culturale.

I giovani di oggi come utilizzano questo risparmio?

Sembra che il salvadanaio non passi mai di moda.
Ma c’è anche chi li parcheggia sulle carte prepagate.
Anzi pare siano proprio i genitori che spingono i ragazzi all’utilizzo della moneta elettronica.
Forse è il caso id insegnare loro a investire questi risparmi, invece di parcheggiarli su una carta prepagata in attesi di essere spesi.
Non è più educativo insegnare a investire questi risparmi, invece di farli diventare i ragazzi dei consumatori?

Non dico che si dovrebbero investire in azioni , ma si potrebbero parcheggiare questi denari su prodotti più semplici da capire e da gestire. Come il librettino per giovani, su un conto deposito per giovani, oppure nei buoni fruttiferi postali. Anche se in questo caso non possono essere prelevati dopo la maggiore età.

Ciao, ilcorrentista.com è un sito che parla di servizi bancari, finanza, economia e gestione del risparmio. Spero che questo articolo sia stato utile, se lo hai trovato utile puoi condividerlo sui social in modo che anche altri possono leggerlo, e aiuterai questo sito a crescere. Se invece hai trovato degli errori, o vuoi comunicare con chi ha scritto l'articolo, nella pagina contatti, oppure in fondo a questa pagina trovi l'indirizzo e-mail dove inviare un messaggio. A presto...

LEGGI ANCHE