Commissione per Fondo Nazionale di Risoluzione

Cos’è il Fondo Nazionale di Risoluzione, pechè è stato creato questo fondo e chi lo finanzia?

Per capire cos’è dobbiamo fare un passo indietro e risalire al novembre 2015, quando per decreto il governo decise di salvare quattro banche sull’orlo del fallimento, che avrebbero trascinato dietro altre banche in difficoltà.
Con un decreto di urgenza convinse le banche italiane a salvare le loro sorelle in difficoltà.

Così le banche italiane sono state costrette dal governo a contribuire al salvataggio di quattro banche Banca Marche, Carife, Carichieti ed Etruria.
Per il salvataggio di queste banche è stato realizzato un fondo che si chiama Fondo Nazionale di Risoluzione. Hanno finanziato questo fondo quasi tutte le banche italine, sia quelle sane, che meno sane.

Leggi Anche: Le banche stanno aumentando i costi del conto corrente a causa del Fondi di risoluzione.

Cos’è il Fondo Nazionale di Risoluzione.

Il Fondo di Risoluzione con una dotazione superiore al miliardo di euro ha rilevato la parte sane delle quattro banche, che sono state separate dai crediti deteriorati.
Conti correnti e prestiti buoni sono finiti in quattro nuove banche, Nuova Banca Marche, Nuova Etruria, Nuova Carife, Nuova Carichieti. Nella speranza di venderle e recuperare l’investimento iniziale.
I prestiti marci, NPL, le azioni e le obbligazioni subordinate sono finite in un altro veicolo.
Gli NPL devono essere ceduti, le azioni delle vecchie banche sono state azzerate causando perdite agli azionisti. E la stessa sorte è toccata alla obbligazioni subordinate che sono state azzerate.

Azionisti, possessori delle subordinate, correntisti stanno pagando i salvataggi bancari.

Ricapitolando hanno perso azionisti che hanno visto azzerare il loro investimento, e possessori di obbligazioni subordinate.
A distanza di un anno quasi tutte le banche hanno deciso di scaricare questi costi sul correntisti.
In che modo?Inserendo la commissione per partecipazione al Fondo Nazionale di Risoluzione.
Anche perchè è difficile che rientreranno dall’investimento visto che queste quattro banche anche senza i crediti deteriorati non li vuole nessuno, e saranno cedute alla cifra simbolica di un euro a UBI, Bce permettendo.