Cosa deve fare il correntista di Banca Carige?

Banca Carige da tempo è alla ricerca di un socio forte, che non riesce a trovare. Quasi tutte le società che nei mesi passati si erano fatte avanti per l’acquisto con il passare dei mesi si sono fatte da parte. Carige deve attuare una serie di misure,soluzione di mercato, per evitare la stessa sorte toccata alle banche venete, ma prima ancora ad Etruria e Banca Marche.

Se sei correntista della banca ligure e ti stai chiedendo se rimanere in Banca Carige oppure trasferire tutto da un’altra parte ricorda che:

  1. Non è detto che in caso non si trovi un compratore, quindi niente ricapitalizzazione, ci sia il bail-in.
  2. Carige non è considerata una banca sistemica.
  3. La Bce ha dato un altro mese di tempo a Carige per trovare una soluzione di mercato.(Questo è quanto scrivono i giornali)
  4. La proroga dovrebbe scadere a fine Giugno, in caso Carige non riesce a ricapitalizzarsi potrebbe intervenire il governo con una ricapitalizzazione precauzionale.
  5. Per adesso la soluzione che prevede l’intervento del Fondo Interbancario non sembra praticabile.
  6. Il Fitd ha sottoscritto a novembre un bond subordinato da 320 milioni emesso da Carige, che non ha convertito.
  7. I conti correnti sono garantiti fino a 100mila euro dal Fondo Interbancario, sotto questa cifra non dovrebbero esserci problemi, per il correntista.
  8. Nonostante nell’Unione Europea per i salvataggi bancari è previsto il bail-in,in Italia nelle recenti crisi bancarie non è stato utilizzato. Fino ad oggi nessun correntista ha perso soldi. Diverso il discorso per i risparmiatori che avevano investito in azioni e obbligazioni subordinate di questi istituti che sono stati azzerati. E attendono un ristoro da parte del governo.
  9. Attenzione che il salvataggio di Carige arriva in una fase di incertezza momento politica ed economica.
  10. Oltre a Carige ci sono altre banche in difficoltà, come la Popolare di Bari.
  11. Dopo l’uscita di scena del fondo americano BalckRock, non è stata accettata la proposta del fondo Apollo ritenuta insufficiente.
  12. Il salvataggio di Banca Carige potrebbe passare attraverso una soluzione delle banche, che prevede la conversione delle obbligazioni subordinate sottoscritte dal Fondo volontario se sarà accettata dalla Bce e Banca d’Italia.
  13. Serve anche l’approvazione degli attuali soci.
  14. Se anche questo piano fallisse, potrebbe esserci la nazionalizzazione della banca.