Conti correnti segnalazione Centrale Rischi

Se sono segnalato al Crif posso aprire un conto corrente? E se sono protestato?
Per prima cosa dobbiamo spiegare cos’è questa benedetta Crif e quando si viene segnalati. Si tratta di una Centrale Rischi un archivio dove vengono inseriti i cattivi pagatori.

Alla Centrale Rischi vengono segnalati i cattivi pagatori, ci si finisce quando non si paga una rata del mutuo o del prestito, anche solo ritardando il pagamento. I dati vengono conservati per 3 anni.
La Centrale dei Rischi è gestita dalla Banca d’Italia, è un sistema informativo che raccoglie le informazioni fornite da banche e società finanziarie sui crediti che concedono ai loro clienti. La Centrale dei Rischi fornisce agli intermediari informazioni utili per valutare il merito di credito della clientela.
La CR comunica mensilmente agli intermediari il debito totale verso il sistema finanziario di ciascun cliente segnalato.

In Italia operano anche altri sistemi di rilevazione centralizzata dei rischi denominati Sistemi di informazioni creditizie (SIC) di natura privata e non gestiti dalla Banca d’Italia.
Tra le più conosciute Crif spa, CTC, l’Exparian Spa, Cerved Spa, ASSILEA, Infocamere ScpA.

Ma quando si viene segnalati alla CR e si diventa cattivi pagatori.

Basta ritardare il pagamento di un finanziamento con ritardo superiore ai due mesi, o non pagare più di tre rate per essere segnalati alla centrale rischi, i dati vengono conservati per 3 anni.
Per maggiori informazioni sulla Centrali dei Rischi gestita dalla Banca d’Italia si può consultare il prospetto informativo pubblicato sul sito della Banca d’Italia.
La banca è obbligata ad aprire il conto corrente?
No, le banche non sono obbligate ad aprire il conto corrente ha una persona .
Ma non esiste nemmeno una legge che vieti l’apertura del conto corrente a chi è segnalato al CRIF oppure ha subito un protesto.

Apertura Conto Corrente a chi è segnalato al CR.

Chi è segnalato al Cr o in una delle centrali rischi private, vedi in alto, non può ottenere prestiti o fidi bancari. Mentre per l’apertura di un nuovo conto corrente la banca fa una visura protesti. Se non si hanno protesti il nuovo conto viene aperto, anche con una segnalazione, e vengono rilasciati blocchetto assegni e bancomat. Anche se la banca non dovrebbe rifiutare l’apertura di un conto corrente di base a chi ha un protesto.
Mentre per la richiesta di una carta prepagata da usare al posto del conto corrente non viene fatta nessuna misura protesti. Quindi dovrebbe essere più facile ottenere una carta prepagata anche solo per accreditare lo stipendio.

Chi è scritto alla Crif può aprire un conto corrente alla posta.

Se l’apertura di un conto corrente bancario con iscrizione al CRif o protesto risultasse difficoltosa, l’alternativa è l’apertura di un conto corrente postale.
Infatti, dovrebbe essere più semplice l’apertura del conto corrente postale basta non richiedere carta di credito e fido. In questo momento le poste sono meno esigenti delle banche. In alternativa si possono visitare uffici postali diversi per vedere cosa succede.

Sono appassionato di statistica web e finanza. Da molti anni come hobby gestisco due siti internet. Spero che questi articoli possono essere utili. Per contattarmi in basso trovi la mia e-mail.