Come proteggere i risparmi

Come difendere i propri risparmi da banche e poste.
Ci aspettano anni difficili tra crisi economica, fallimenti bancari, bail-in,burden sharing, è importante proteggere i propri risparmi, e trovare il modo che questi crescano. Non dimenticate che i risparmi di oggi sono i consumi di domani.

Il primo passo è cercare di proteggere i risparmi, siate prudenti e cercate di evitare gli errori del passato,come sovrappesare strumenti che poi si sono rilevati fallimentari, che hanno creato storie di risparmio tradito.
Con miliardi di euro andati in fumo a causa non solo della condotta fraudolenta delle banche, ma anche dalla bassa educazione finanziaria degli italiani.

Imparare dagli errori del passato.

Per evitare di commettere gli stessi errori in futuro il risparmiatore dovrebbe imparare le basi dell’educazione finanziaria. Non è difficile, non è tempo sprecato, investite prima su voi stessi, ne trarrete benefici in ogni settore della vita.
In modo da arrivare preparati allo sportello bancario, o all’ufficio postale.

Il risparmiatore deve imparare a difendersi dallo sportello bancario, e dall’ufficio postale.

Gli errori più comuni che hanno portato alla distruzione del risparmio sono investire tutti i risparmi in obbligazioni della banca perché ritenute sicure.
Troppe persone erano sbilanciati su obbligazioni bancarie ritenute sicure che poi si sono azzerate.
Dimenticandosi che esistono diversi settori dove si può investire, infatti un altro errore è non diversificare.
Altro errore non lasciate tutti i soldi sul conto corrente, non conviene.

Leggi Anche: quanti soldi lasciare sul conto corrente?

Evitate strumenti che non conoscete.

Evitate di investire in prodotti consigliati dallo sportello bancario, o dell’ufficio postale. Vedi i fondi immobiliari rischiosi venduti dalle Poste che hanno fatto perdere gran parte di risparmi a chi aveva investito.
Spesso questi prodotti non sono adatti al vostro profilo di rischio ma vengono proposti per fare cassa.
E’ risaputo che banche e poste propongono ai loro clienti non lo strumento più adatto alle esigenze del risparmiatore ma a quelli di bilancio.
Spesso nemmeno l’impiegato della banca e dell’ufficio postale conosce il prodotto che vi sta proponendo.
Non conosce nemmeno il significato di alcuni termini che pronuncia solo perché è stato addestrato a farlo.
Arrivate preparati allo sportello e fate domande prima di investire.

Leggi Anche: Meglio mettere i soldi in banca o posta.

Conclusione.
Se non conosci gli strumenti finanziari o non hai tempo per imparare le basi dell’economia e della finanza la scelta migliore potrebbe essere parcheggiare i risparmi su diversi conti deposito.
In modo da diversificare il rischio e ottenere un piccolo rendimento, in modo che il capitale non venga eroso dall’inflazione.