Come avere Iban senza aprire conto corrente

E’ possibile avere un iban senza essere titolari di un conto corrente bancario o postale?
Oggi si, da qualche anno esistono le carte conto, che possono sostituire in parte il conto corrente bancario o postale. Con queste carte è possibile ricevere ed eseguire bonifici, stipendio, pensione senza avere un conto corrente. E’ l’unico modo per avere l’Iban senza aprire un conto corrente .
Le carta conto sono carte prepagate ricaricabile con associato l’Iban, si possono richiedere senza conto corrente .
Grazie all’Iban è possibile effettuare alcune operazioni che normalmente si fanno con il conto corrente, come effettuare e ricevere bonifici, accreditare stipendio e pensione, pagare bollette. Oltre che prelevare i soldi caricati sulla carta presso i Bancomat di tutte le banche in Italia e all’estero, o allo sportello che ha emesso la carta. E usare la carta per i pagamenti su internet o nei negozi convenzionati con il circuito della carta in Italia e all’estero.

Chi può richiedere una carta conto.

Si deve essere maggiorenni e residenti in Italia, con o senza lavoro, precari, studenti, protestati. Praticamente salvo rare eccezioni vengono concesse a tutti. In caso la banca si rifiuti di concedere la carta esistono anche quelle emesse da società che emettono moneta elettronica come le carte emesse da Cartalis che si trovano presse i punti Lottomaticard che hanno l’Iban associato.

I costi delle carte conto.

I costi da controllare prima di prendere una di queste carte sono il canone mensile, in genere a queste carte viene applicato un canone mensile, il costo di emissione della carta, ma non tutte le banche applicano questa commissione. Costi per effettuare bonifici, generalmente da internet più conveniente che allo sportello. Costi per prelevare, di solito se il prelievo viene fatto dal Bancomat della banca che ha emesso la carta non ci sono costi. Per i prelievi presso altre banche o all’estero si pagano delle commissioni. I costi di ricarica, per accredito dello stipendio , pensione o quando si riceve un bonifico da terzi non si paga nulla, ma è meglio controllare nel prospetto informativo che si può scaricare anche da internet sul sito della banca che ha messo la carta.

Carte prepagate con Iban senza conto corrente.

Ecco quali sono le carte prepagate con Iban che si possono richiedere senza essere titolari di un conto corrente. La più conosciuta è la Postepay Evolution si richiede alle Poste ha un costo di emissione di €5 un canone annuale di €12. La carta prepagata Paypal e la carta Lottomaticard che si richiedono nelle ricevitorie Lottomatica. Hanno l’Iban non si paga il canone annuale. poi troviamo le carte emesse dalle banche Superflash di Intesa-SanPaolo che ha un canone annuale di € 26,90. Genius Card che si richiede nelle filiali di Unicredit il costo di emissione è di €5, il canone annuale è di €24 .

Aprire conto corrente senza costi.

L’altra alternativa è aprire un conto corrente con costi bassi o nulli. anche se non è facile trovare un conto corrente che non abbia costi, perché tutti i conti correnti anche se vengono proposti a costo zero hanno delle commissioni.
Ad esempio anche se il tuo conto corrente è con zero spese se il saldo annuale supera i €5000 si paga l’imposta di bollo.
Altri costi possono essere le commissioni in caso il saldo del conto corrente sia in roso.

Un altro esempio molte banche propongono il conto corrente senza costi ma poi ci sono dei costi prelevare anche dagli sportelli automatici della banca dive si ha il conto corrente.
Oppure si paga un canone annuale per l’utilizzo della carta di pagamento.
Inoltre è bene ricordare che le condizioni del conto corrente possono essere cambiate in qualsiasi momento.

Per sapere indicativamente quanto costa il conto corrente prima di aprirlo è meglio leggere il prospetto informativo dove è riportato l’indicatore sintetico dei costi, che ti dice quanto ti costerà il conto corrente in base alla tua operatività.