Chiusura conto corrente in rosso

Se ho il conto corrente in rosso posso chiuderlo?

Ccosa succede se il correntista ha il conto corrente in rosso, oppure il conto corrente e con un fido  e chiede la chiusura del conto corrente. La banca può rifiutarsi di chiudere il conto corrente o di trasferirlo?
Fino a qualche tempo fa era prassi comune delle banche di rifiutare la chiusura del conto con saldo in negativo.
O con conto corrente con affidamento fino a quando il correntista non aveva ripagato il debito con tanto di costi e interessi. Adesso, pare, le cose sono cambiate.
Leggi Anche: Può una banca chiudere il conto corrente?

Conto corrente si può chiudere anche se in rosso.

Il conto corrente può essere chiuso o trasferito in qualsiasi momento anche se il saldo è negativo.
E anche con conto corrente con affidamento quindi con un fido, perché dicono gli esperti di diritto privato, il fido è un contratto diverso da quelle del conto corrente.
La banca non può in alcun modo ostacolare la chiusura o il trasferimento anche se questo è in rosso.
E non può tenere aperto un conto dove il titolare ha chiesto il recesso del contratto, per tanto non può addebitare spese e interessi.
Ma il correntista deve ripagare il debito con la banca e dovrà concordare con l’istituto di credito modi e tempi di rimborso del debito.
E tutto da vedere alla prova dei fatti se le banche si comporteranno come suggeriscono gli esperti.

Bancoposta in rosso si può chiudere?
Certamente ma devi portare il saldo in positivo.
Anche in assenza di fido il conto corrente postale può andare in rosso, ecco quando può succedere, cosa fare, e le conseguenze di avere il saldo in negativo.

Il conto Bancoposta non è diverso dal conto corrente bancario offre gli stessi servizi bancari compreso la possibilità di effettuare e ricevere bonifici Sepa, carta di debito Postamat, carta di credito su richiesta, e altri servizi come finanziamenti.
Non è gratuito ma ci sono dei costi come il canone mensile, costi per il Postamt, costi per le carte di credito, imposta di bollo.

Se non hai un fido agganciato al conto Bancoposta puoi utilizzare solo il saldo disponibile del tuo conto. Se ad esempio hai attivato la domiciliazione delle bollette e il saldo disponibile non è sufficiente per pagare la bolletta non sarà pagata.
Il vantaggio è che non puoi spendere più di quello che hai sul conto, quindi il saldo non può andare in negativo.
Può succedere che il conto Bancoposta a causa dell’addebito dei costi dei servizi associati vada in negativo.
Se il saldo del tuo Bancoposta è in negativo dovrai riportarlo in positivo.

Sono appassionato di statistica web e finanza. Da molti anni come hobby gestisco due siti internet. Spero che questi articoli possono essere utili. Per contattarmi in basso trovi la mia e-mail.