Capitale minimo per investire in Borsa

Qual è il capitale minimo per investire in Borsa? In teoria il capitale minimo che si può investire in Borsa è molto basso.
Da qualche tempo anche chi ha piccoli risparmi può investirli sul mercato azionario, perchè è stato eliminato il quantitativo minimo acquistabile per ogni singola azione.
Infatti la quantità minima acquistabile per le azioni italiane è di una azione.

Quindi il capitale minimo che si può investire varia in base all’azione scelta.

Al costo dell’azione si deve aggiungere la commissione per l’acquisto.
La banca o il broker che utilizzate per l’acquisto delle azioni applica una commissione minima che può arrivare fino a €3. Commissioni che fanno si che l’acquisto di una singola azione non sia conveniente.

E’ evidente che più il capitale è alto più sarà facile diversificare l’investimento creando un portafoglio azionario per ridurre i rischi. E anche perchè non è buona cosa mettere tutte le uova in un solo paniere.
Se si hanno pochi soldi a disposizione si può investire in azioni acquistando quote di fondi comuni che investono in azioni. Ma anche tramite gli ETF che sono dei fondi solo che sono quotati. Molto più conveniente rispetto all’acquisto delle singole azioni quando si hanno piccoli capitali.
In questo modo è possibile diversificare non solo per settori industriali, ma anche per aree geografiche diverse.

Quanto investire in Borsa?

Dipende dalla tua propensione al risparmio e dal tuo stipendio. Ma ricorda che in Borsa non si devono investire tutti i risparmi, ma solo una parte del capitale.
In questo modo se si sbaglia l’investimento, può capitare, non si perderanno tutti i risparmi di una vita, e non modificherà in peggio il nostro stile di vita.
Si deve investire in azioni solo il denaro che si è disposti a perdere.

Ciao, ilcorrentista.com è un sito che parla di servizi bancari, finanza, economia e gestione del risparmio. Spero che questo articolo sia stato utile, se lo hai trovato utile puoi condividerlo sui social in modo che anche altri possono leggerlo, e aiuterai questo sito a crescere. Se invece hai trovato degli errori, o vuoi comunicare con chi ha scritto l'articolo, nella pagina contatti, oppure in fondo a questa pagina trovi l'indirizzo e-mail dove inviare un messaggio. A presto...

LEGGI ANCHE