Banca commissariata cosa significa

Cosa significa commissariare una banca e quali sono i rischi per il correntista?
La decisione di commissariare una banca viene presa dalla Banca d’Italia, per intervenire cioè sostituire il consiglio di amministrazione con i commissari che deve avere il via libera tramite decreto dal Ministero dell’Economia.
Il compito della Banca d’Italia è quello di nominare i commissari che dovranno sostituire il consiglio di amministrazione. E cercare di risanare la banca, se è possibile, trovare le irregolarità e in caso di evidenti irregolarità esercitare un’azione di responsabilità nei confronti dei dirigenti che hanno causato il danno.

Il rischio per il correntista di una banca commissariata è alto, il consiglio è di limitarne l’utilizzo del conto corrente evitando di depositare altre soma di denaro. Anche se è bene ricordare che tutti i conti correnti sono garantiti dal Fondo interbancario fino a 100mila euro, anche dopo l’introduzione del bail-in. Quindi in teoria chi ha depositi in una banca in difficoltà sotto questa cifra dovrebbe essere tutelato.

Il lavoro dei commissari, che hanno pieni poteri e possono convocare le assemblee, è di trovare irregolarità, sistemare i bilanci, trovare la soluzione per garantire la sopravvivenza della banca. Ed eventualmente denunciare i dirigenti che hanno portato allo sfascio della banca. Ma è anche quello di garantire l’operatività ai correntisti. i correntisti non vengano danneggiati.
Vedi ad esempio il caso di Banca Etruria, Banca Marche.

Nei casi peggiori, i commissari, possono decidere anche di bloccare i pagamenti, anche il denaro sul conto corrente non potrà essere prelevato. Vedi ad esempio il fallimento vedi Banca Network che ha coinvolto circa 30mila persone che si sono ritrovate con il conto corrente bloccato senza nessuna possibilità di prelevare per un certo periodo di tempo.
Questo blocco non deve essere superiore a un mese. Nella speranza che nel giro di mesi il correntista possa riavere indietro i suoi soldi.

I commissari hanno tempo un anno per sistemare la situazione, questo è il tempo di durata del commissariamento. Che può essere prorogato di altri sei mesi.
Ovviamente tutto questo è disciplinato dagli articoli 70 ,71,72,73,74,75,76, del Testo Unico Bancario.

Quali banche di recente sono state commissariate?

Si tratta di banche del credito cooperativo, i casi di commissariamento più eclatanti sono Banca Marche e Banca Etruria, per il resto si tratta di piccole banche . Puoi trovare l’elenco completo e aggiornato sul sito della Banca d’Italia.

La lista potrebbe essere molto più lunga perché molte banche sono state salvate prima del commissariamento con massicci aumenti di capitale. Vedi ad esempio il caso Monte Paschi di Siena con intervento da parte del governo Monti che ha concesso un prestito obbligazionario, e adesso il Tesoro è diventato azionista del Monte Paschi di Siena perchè a causa della perdita MPS non poteva rimborsare parte dei Monti Bond. Questo era previsto dalla clausula di sottoscrizione delle obbligazioni.

Quali sono le cause che hanno portato al commissariamento?

Le principali cause che negli ultimi tempi hanno portato al commissariamento di una banca sono stati per forti perdite patrimoniali, causate da una cattiva gestione da parte dei dirigenti .

Basta cercare in rete gli articoli di giornale finanziari e non per capire come sono state amministrate queste banche negli ultimi dieci anni.