MPS cosa succede con l’intervento dello Stato?

Tra poco, quando si completerà la ricapitalizzazione con denaro pubblico, lo Stato diventerà azionista della terza banca del paese il Monte Paschi di Siena che sarà nazionalizzato, ma ci vorrà ancora del tempo .

Se non siete tra quelli che sono fuggiti nelle settimane scorse adesso non ha più senso scappare dal Monte Paschi di Siena, perché adesso la continuità dell’istituto senese è garantita dallo Stato.
Anche se è bene ricordare ci vorranno mesi prima che si concluda il piano di salvataggio, e questo piano dovrà essere discusso con Bruxelles e approvato dalla Ue e dalla Bce.

La continuità della banca non è in discussione.

La continuità della banca è garantita grazie alle garanzie di Stato sulla liquidità, questa garanzia sarà estesa fino a metà 2017. Ma visto che non sappiamo come andranno le trattative, sul conto corrente, è meglio rimanere sotto i 100mila euro.
Per evitare che qualcosa vada storto e paghino anche i correntisti con depositi sopra i 100mila euro. Visto che il bail-in prevede che i costi dle salvataggio di una banca ricadano non solo su azionisti, obbligazionisti delle subordinate, ma nei casi particolari anche su obbligazioni ordinarie e depositi sopra i 100mila euro.

Cosa succede alle obbligazioni subordinate di MPS.

Le subordinate saranno convertite in azioni, non si conosce il prezzo, nemmeno il quantitativo che toccherà a ogni obbligazionisti.
Si sa solo che le subordinate con taglio per istituzionali saranno convertite al nominale del 75%.
Quelle riservate ai risparmiatori con taglio da mille euro, saranno prima convertite in azioni al 100% del nominale, e poi convertite in obbligazioni ordinarie.
Ma solo quelle sottoscritte allo sportello della banca e quelle dei risparmiatori con profilo di rischio basso, quindi attenzione.
Anche se siete stati profilati come investitori privati , ma avete subordinate riservate a investitori istituzionali vi toccherà la stessa sorte degli investitori istituzionali,.

Cosa succede alle azioni del Monte Paschi di Siena.

Le azioni MPS sono sospese dalle contrattazione la decisione è stata presa dalla Consob.
Adesso si dovrà capire cosa accadrà alle azioni del Monte Paschi, se saranno azzerate oppure nel migliore dei casi si subirà una forte sforbiciata.
Ancora non si conosce il peso che avrà lo Stato nell’azionariato, e di quanto capitale MPS ha bisogno ma è evidente che i vecchi azionisti saranno iperdiluiti.